Caricamento Eventi
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Tutta un’altra Grande Guerra: quella vera. Tredici saggi sull’Italia nella Prima Guerra Mondiale

venerdì 24 Maggio 2024 ore 18:00

Attraverso i saggi indipendenti contenuti nel volume, ognuno dedicato a un diverso argomento, l’autore intende fornire una visione diversa della Prima Guerra Mondiale, tenendo conto della realtà dei fatti e tentando di demolire luoghi comuni e falsità che ancora circondando la narrazione del grande conflitto. Paoletti spiega come la neutralità italiana sia stata ben pianificata, come l’apporto degli Alleati fu cruciale per le materie prime ma limitato in uomini, come la carenza di materie prime stimolò lo sviluppo infrastrutturale. Riguardo ai combattimenti e ai mezzi, l’autore sostiene che l’Italia fu, con la Russia, l’unico Paese alleato ad invadere il territorio nemico, producendo tra l’altro l’unico bombardiere adoperato su larga scala da tutti gli Alleati. Ridimensiona infine la sconfitta di Caporetto, sottolineando invece come la vittoria italiana influenzò la resa tedesca in Francia nel 1918, anticipando l’offensiva prevista dagli Alleati per il 1919.

Ciro Paoletti, classe 1962, è laureato in Scienze politiche a Roma, e ha conseguito un Dottorato di Ricerca a Parigi. Per tre anni ufficiale di fanteria, è membro di quattro associazioni e istituti storici italiani e tre stranieri, e fa parte del consiglio scientifico di tre riviste estere. Ha pubblicato oltre 460 lavori, fra cui 32 libri, in Italia e all’estero, ricevendo due premi in Italia e uno in America. Ha collaborato con gli Uffici Storici d’Esercito, Marina ed Aeronautica dal 1995 al 2014, con la Rivista Marittima dal 1997 al 2013, con “Lega Navale” dal 2011 al 2020 e con “Marinai d’Italia” dal 2015 al 2020.

Dettagli

Data:
venerdì 24 Maggio 2024
Ora:
18:00
Categoria Evento:
Tag Evento:

di Ciro Paoletti

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Tutta un’altra Grande Guerra: quella vera. Tredici saggi sull’Italia nella Prima Guerra Mondiale

venerdì 24 Maggio 2024 ore 18:00

Attraverso i saggi indipendenti contenuti nel volume, ognuno dedicato a un diverso argomento, l’autore intende fornire una visione diversa della Prima Guerra Mondiale, tenendo conto della realtà dei fatti e tentando di demolire luoghi comuni e falsità che ancora circondando la narrazione del grande conflitto. Paoletti spiega come la neutralità italiana sia stata ben pianificata, come l’apporto degli Alleati fu cruciale per le materie prime ma limitato in uomini, come la carenza di materie prime stimolò lo sviluppo infrastrutturale. Riguardo ai combattimenti e ai mezzi, l’autore sostiene che l’Italia fu, con la Russia, l’unico Paese alleato ad invadere il territorio nemico, producendo tra l’altro l’unico bombardiere adoperato su larga scala da tutti gli Alleati. Ridimensiona infine la sconfitta di Caporetto, sottolineando invece come la vittoria italiana influenzò la resa tedesca in Francia nel 1918, anticipando l’offensiva prevista dagli Alleati per il 1919.

Ciro Paoletti, classe 1962, è laureato in Scienze politiche a Roma, e ha conseguito un Dottorato di Ricerca a Parigi. Per tre anni ufficiale di fanteria, è membro di quattro associazioni e istituti storici italiani e tre stranieri, e fa parte del consiglio scientifico di tre riviste estere. Ha pubblicato oltre 460 lavori, fra cui 32 libri, in Italia e all’estero, ricevendo due premi in Italia e uno in America. Ha collaborato con gli Uffici Storici d’Esercito, Marina ed Aeronautica dal 1995 al 2014, con la Rivista Marittima dal 1997 al 2013, con “Lega Navale” dal 2011 al 2020 e con “Marinai d’Italia” dal 2015 al 2020.

Dettagli

Data:
venerdì 24 Maggio 2024
Ora:
18:00
Categoria Evento:
Tag Evento:
Sala conferenze
Ciro Paoletti
A cura dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia (ANMI) - Gruppo di Monfalcone
Ingresso libero

Attraverso i saggi indipendenti contenuti nel volume, ognuno dedicato a un diverso argomento, l’autore intende fornire una visione diversa della Prima Guerra Mondiale, tenendo conto della realtà dei fatti e tentando di demolire luoghi comuni e falsità che ancora circondando la narrazione del grande conflitto. Paoletti spiega come la neutralità italiana sia stata ben pianificata, come l’apporto degli Alleati fu cruciale per le materie prime ma limitato in uomini, come la carenza di materie prime stimolò lo sviluppo infrastrutturale. Riguardo ai combattimenti e ai mezzi, l’autore sostiene che l’Italia fu, con la Russia, l’unico Paese alleato ad invadere il territorio nemico, producendo tra l’altro l’unico bombardiere adoperato su larga scala da tutti gli Alleati. Ridimensiona infine la sconfitta di Caporetto, sottolineando invece come la vittoria italiana influenzò la resa tedesca in Francia nel 1918, anticipando l’offensiva prevista dagli Alleati per il 1919.

Ciro Paoletti, classe 1962, è laureato in Scienze politiche a Roma, e ha conseguito un Dottorato di Ricerca a Parigi. Per tre anni ufficiale di fanteria, è membro di quattro associazioni e istituti storici italiani e tre stranieri, e fa parte del consiglio scientifico di tre riviste estere. Ha pubblicato oltre 460 lavori, fra cui 32 libri, in Italia e all’estero, ricevendo due premi in Italia e uno in America. Ha collaborato con gli Uffici Storici d’Esercito, Marina ed Aeronautica dal 1995 al 2014, con la Rivista Marittima dal 1997 al 2013, con “Lega Navale” dal 2011 al 2020 e con “Marinai d’Italia” dal 2015 al 2020.

Condividi