Caricamento Eventi
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

L’infinito dopoguerra

giovedì 11 Luglio 2024 ore 18:30

Certo potrebbe apparire un’operazione sconveniente tentare di allestire uno spettacolo brillante che tratti dell’infinito dopoguerra nella Venezia Giulia: troppe sono infatti le vicende dolorose e le ferite non sempre rimarginate per poter immaginare di sorridere su tutto ciò che è accaduto in quei difficili momenti. Sono però passati oramai quasi ottant’anni da quegli accadimenti ed è quindi forse venuta l’ora di cercare, sperando di non offendere la sensibilità di nessuno, di sorridere anche di questi travagliati argomenti. In un divertente confronto dialettico tra chi si ostina a mantenere opinioni politicamente divergenti, verranno così raccontati con leggerezza aneddoti e curiosità di uno dei periodi storici più complessi e controversi del nostro territorio. Lo spettacolo è presentato nella consolidata e agile forma del “teatro a leggio”.

GIORGIO AMODEO si è diplomato in recitazione presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano sotto la direzione di Ernesto Calindri. Dal 1984 al 2010 è stato direttore artistico e organizzativo presso la Contrada – Teatro Stabile di Trieste, curando le stagioni in ospitalità e gli spettacoli di produzione. Nel 1995 viene nominato Direttore Artistico di Muggia Spettacolo Ragazzi e dal 2007 di Aquileia in Scaena, collabora al Premio Francesco Macedonio di Gorizia. È autore teatrale, regista e cura gli adattamenti e le riduzioni dei copioni delle celebri “Maldobrie” e del “Campanon” radiofonico di Carpinteri & Faraguna. È stato il primo promotore, in Friuli Venezia Giulia, della circuitazione degli Spettacoli Teatrali nelle Scuole dell’Infanzia, delle recite domenicali per le famiglie, delle Animazioni Teatrali all’interno delle Istituzioni Museali.

Dettagli

Data:
giovedì 11 Luglio 2024
Ora:
18:30
Categoria Evento:
Tag Evento:
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

L’infinito dopoguerra

giovedì 11 Luglio 2024 ore 18:30

Certo potrebbe apparire un’operazione sconveniente tentare di allestire uno spettacolo brillante che tratti dell’infinito dopoguerra nella Venezia Giulia: troppe sono infatti le vicende dolorose e le ferite non sempre rimarginate per poter immaginare di sorridere su tutto ciò che è accaduto in quei difficili momenti. Sono però passati oramai quasi ottant’anni da quegli accadimenti ed è quindi forse venuta l’ora di cercare, sperando di non offendere la sensibilità di nessuno, di sorridere anche di questi travagliati argomenti. In un divertente confronto dialettico tra chi si ostina a mantenere opinioni politicamente divergenti, verranno così raccontati con leggerezza aneddoti e curiosità di uno dei periodi storici più complessi e controversi del nostro territorio. Lo spettacolo è presentato nella consolidata e agile forma del “teatro a leggio”.

GIORGIO AMODEO si è diplomato in recitazione presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano sotto la direzione di Ernesto Calindri. Dal 1984 al 2010 è stato direttore artistico e organizzativo presso la Contrada – Teatro Stabile di Trieste, curando le stagioni in ospitalità e gli spettacoli di produzione. Nel 1995 viene nominato Direttore Artistico di Muggia Spettacolo Ragazzi e dal 2007 di Aquileia in Scaena, collabora al Premio Francesco Macedonio di Gorizia. È autore teatrale, regista e cura gli adattamenti e le riduzioni dei copioni delle celebri “Maldobrie” e del “Campanon” radiofonico di Carpinteri & Faraguna. È stato il primo promotore, in Friuli Venezia Giulia, della circuitazione degli Spettacoli Teatrali nelle Scuole dell’Infanzia, delle recite domenicali per le famiglie, delle Animazioni Teatrali all’interno delle Istituzioni Museali.

Dettagli

Data:
giovedì 11 Luglio 2024
Ora:
18:30
Categoria Evento:
Tag Evento:
Giardino della Biblioteca
Con la partecipazione di Giorgio Amodeo, Franko Korošec,Aleksander Ipavec
Ingresso libero

Certo potrebbe apparire un’operazione sconveniente tentare di allestire uno spettacolo brillante che tratti dell’infinito dopoguerra nella Venezia Giulia: troppe sono infatti le vicende dolorose e le ferite non sempre rimarginate per poter immaginare di sorridere su tutto ciò che è accaduto in quei difficili momenti. Sono però passati oramai quasi ottant’anni da quegli accadimenti ed è quindi forse venuta l’ora di cercare, sperando di non offendere la sensibilità di nessuno, di sorridere anche di questi travagliati argomenti. In un divertente confronto dialettico tra chi si ostina a mantenere opinioni politicamente divergenti, verranno così raccontati con leggerezza aneddoti e curiosità di uno dei periodi storici più complessi e controversi del nostro territorio. Lo spettacolo è presentato nella consolidata e agile forma del “teatro a leggio”.

GIORGIO AMODEO si è diplomato in recitazione presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano sotto la direzione di Ernesto Calindri. Dal 1984 al 2010 è stato direttore artistico e organizzativo presso la Contrada – Teatro Stabile di Trieste, curando le stagioni in ospitalità e gli spettacoli di produzione. Nel 1995 viene nominato Direttore Artistico di Muggia Spettacolo Ragazzi e dal 2007 di Aquileia in Scaena, collabora al Premio Francesco Macedonio di Gorizia. È autore teatrale, regista e cura gli adattamenti e le riduzioni dei copioni delle celebri “Maldobrie” e del “Campanon” radiofonico di Carpinteri & Faraguna. È stato il primo promotore, in Friuli Venezia Giulia, della circuitazione degli Spettacoli Teatrali nelle Scuole dell’Infanzia, delle recite domenicali per le famiglie, delle Animazioni Teatrali all’interno delle Istituzioni Museali.

Condividi