Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La corazzata Roma

giovedì 14 Marzo 2024 ore 18:00

Sarà presente la moglie di Guido Gay, scopritore del relitto della corazzata

Il 9 settembre del 1943 nel Golfo dell’Asinara un aereo tedesco affondò la Corazzata Roma. Morirono 1352 marinai, insieme al comandante delle forze navali da battaglia della regia Marina, l’ammiraglio di squadra Carlo Bergamini. Solo 622 furono i sopravvissuti.
A distanza di 69 anni dall’affondamento è stata finalmente identificata una parte del relitto della corazzata, adagiata a circa 1000 metri di profondità a circa 16 miglia dalla costa sarda. Le prime ed esclusive immagini del ritrovamento sono state riprese da Guido Gay, titolare della società Gaymarine S.r.l., che da molti anni conduce in zona sperimentazioni di innovative apparecchiature di esplorazione subacquea da lui ideate e costruite.

Giornalista pubblicista e medico chirurgo con specializzazione in Nefrologia, Ugo Gerini ha svolto il servizio militare in Marina. Socio dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Trieste è autore di otto libri e di numerosi articoli divulgativi di storia navale.

Dettagli

Data:
giovedì 14 Marzo 2024
Ora:
18:00
Categoria Evento:
Tag Evento:
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La corazzata Roma

giovedì 14 Marzo 2024 ore 18:00

Sarà presente la moglie di Guido Gay, scopritore del relitto della corazzata

Il 9 settembre del 1943 nel Golfo dell’Asinara un aereo tedesco affondò la Corazzata Roma. Morirono 1352 marinai, insieme al comandante delle forze navali da battaglia della regia Marina, l’ammiraglio di squadra Carlo Bergamini. Solo 622 furono i sopravvissuti.
A distanza di 69 anni dall’affondamento è stata finalmente identificata una parte del relitto della corazzata, adagiata a circa 1000 metri di profondità a circa 16 miglia dalla costa sarda. Le prime ed esclusive immagini del ritrovamento sono state riprese da Guido Gay, titolare della società Gaymarine S.r.l., che da molti anni conduce in zona sperimentazioni di innovative apparecchiature di esplorazione subacquea da lui ideate e costruite.

Giornalista pubblicista e medico chirurgo con specializzazione in Nefrologia, Ugo Gerini ha svolto il servizio militare in Marina. Socio dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Trieste è autore di otto libri e di numerosi articoli divulgativi di storia navale.

Dettagli

Data:
giovedì 14 Marzo 2024
Ora:
18:00
Categoria Evento:
Tag Evento:

di Ugo Gerini

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La corazzata Roma

giovedì 14 Marzo 2024 ore 18:00

Sarà presente la moglie di Guido Gay, scopritore del relitto della corazzata

Il 9 settembre del 1943 nel Golfo dell’Asinara un aereo tedesco affondò la Corazzata Roma. Morirono 1352 marinai, insieme al comandante delle forze navali da battaglia della regia Marina, l’ammiraglio di squadra Carlo Bergamini. Solo 622 furono i sopravvissuti.
A distanza di 69 anni dall’affondamento è stata finalmente identificata una parte del relitto della corazzata, adagiata a circa 1000 metri di profondità a circa 16 miglia dalla costa sarda. Le prime ed esclusive immagini del ritrovamento sono state riprese da Guido Gay, titolare della società Gaymarine S.r.l., che da molti anni conduce in zona sperimentazioni di innovative apparecchiature di esplorazione subacquea da lui ideate e costruite.

Giornalista pubblicista e medico chirurgo con specializzazione in Nefrologia, Ugo Gerini ha svolto il servizio militare in Marina. Socio dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Trieste è autore di otto libri e di numerosi articoli divulgativi di storia navale.

Dettagli

Data:
giovedì 14 Marzo 2024
Ora:
18:00
Categoria Evento:
Tag Evento:
Sala conferenze
Ugo Gerini
A cura dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia (ANMI) Gruppo di Monfalcone
Ingresso libero
Sarà presente la moglie di Guido Gay, scopritore del relitto della corazzata

Il 9 settembre del 1943 nel Golfo dell’Asinara un aereo tedesco affondò la Corazzata Roma. Morirono 1352 marinai, insieme al comandante delle forze navali da battaglia della regia Marina, l’ammiraglio di squadra Carlo Bergamini. Solo 622 furono i sopravvissuti.
A distanza di 69 anni dall’affondamento è stata finalmente identificata una parte del relitto della corazzata, adagiata a circa 1000 metri di profondità a circa 16 miglia dalla costa sarda. Le prime ed esclusive immagini del ritrovamento sono state riprese da Guido Gay, titolare della società Gaymarine S.r.l., che da molti anni conduce in zona sperimentazioni di innovative apparecchiature di esplorazione subacquea da lui ideate e costruite.

Giornalista pubblicista e medico chirurgo con specializzazione in Nefrologia, Ugo Gerini ha svolto il servizio militare in Marina. Socio dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Trieste è autore di otto libri e di numerosi articoli divulgativi di storia navale.

Condividi